La storia dell’Accademia

L’Accademia dell’Incanto è nata dall’incontro di due diverse wunderkammer.

La prima wunderkammer è Mirabilia, la galleria di Giano Del Bufalo. Vi si possono ammirare pregiate tassidermie, reperti naturalistici e scientifici, opere d’arte antica, curiosità e rarità di ogni sorta. Raccolti nel corso di molti anni di ricerche e avventure, questi oggetti hanno trovato oggi raffinata collocazione all’interno di una sala espositiva ispirata alle camere delle meraviglie cinquecentesche, situata nei pressi del Circo Massimo a Roma.

La seconda wunderkammer è invece virtuale: si tratta di Bizzarro Bazar, il principale punto di riferimento italiano per tutto ciò che è “strano, macabro, meraviglioso”. Da anni il suo curatore, Ivan Cenzi, esplora le zone perturbanti e liminali della cultura, spaziando fra musei e collezioni anatomiche, storia del circo e delle fiere itineranti, scienza degli albori, arte classica e moderna, musica, letteratura ma anche antropologia, tanatologia, psicologia, cinema, sessualità, humor ecc. Dal 2014 Bizzarro Bazar si è incarnato in una collana di libri edita da Logos.

Stella

10436280_1028973630502640_3307421983249288515_n       Banner

Share Button